L’Associazione “Romeni in Italia” – Milano/(A.R.I.) rappresenta la prima associazione di romeni costituita in Italia da Padre Traian Valdman, Professoressa Marioara Cirlan Salvadano, Ing. Stelian Ionescu e Ing. Romulus Popescu.

L’A.R.I. è stata costituita l’8 febbraio 2001 con lo scopo principale di preservare e conservare l’identità culturale, linguistica e religiosa dei romeni che vivono in Italia.

            Nel 2010 sono state stabilite altre due filiali a Pavia e a Voghera. Della filiale locale di Pavia è responsabile la Professoressa Ioana Pope, Dottore dell’Università di Pavia. Della filiale di Voghera è responsabile la Professoressa Marioara Cirlan, presidente onorario dell’associazione.

I principali progetti realizzati negli ultimi anni sono:

  • Presentazione della Romania e delle sue tradizioni secolari nelle scuole italiane e nelle istituzioni educative a Gallate – Novara (luglio 2006), e all’Istituto Leonardo da Vinci di Milano (febbraio 2007).
  • Quattordici edizioni del Festival “Tradizioni romene e valori europei”, organizzato tra il 2006 e il 2020. 

Sono stati organizzati mostre di pittura, mostre fotografiche-documentari, mostre di costumi tradizionali, presentazioni di film e di libri di giovani scrittori romeni come Mihai Butcovan e Viorel Boldis.

Giovani studenti rumeni del G. Verdi” a Milano hanno tenuto vari concerti di musica classica.

Gruppi folcloristici e artisti rumeni popolari e italiani hanno tenuto vari spettacoli e concerti.

Gli artigiani romeni popolari hanno esposto prodotti tradizionali e hanno fatto dimostrazione di arte artigianale nel centro di Milano, in varie edizioni del festival.

Il festival del 2007 è stato una piccola agorà di valori romeni, di interferenza con la cultura europea. I media romeni e italiani hanno considerato il festival come un evento eccezionale sia nel contenuto che nell’organizzazione.                           

Nel 2009 A.R.I. in collaborazione con l’Ispettorato scolastico di Milano, ha implementato nelle scuole italiane il programma “Constantin Brancusi – immagini e parole scolpite” che ha stimolato gli studenti italiani a studiare una personalità della cultura romena, e gli studenti romeni hanno avuto l’opportunità di scrivere degli elaborati nella loro lingua madre, lingua nella quale essi stessi hanno ammesso di non aver scritto da molto tempo. Il vincitore del concorso ha ricevuto un viaggio a Targu Jiu, insieme alla sua famiglia.

  • La mostra del Teatro Nazionale di Bucarest “Toujours l’Amour” con Dan Puric (2007).
  • Tredici edizioni delle stagioni culturali dedicate al poeta Mihai Eminescu.
  • Tredici edizioni dell’evento “Martisor and women’s day in Milan”.
  • Tre edizioni del Capodanno romeno a Milano.
  • Dibattito su “il giornalismo dell’emigrazione romena in Italia negli ultimi 20 anni”.

Spettacolo di balletto di musica tradizionale romena (organizzato da A.R.I. Milano in collaborazione con l’Unione dei Ballerini e Coreografi Professionali della Romania)

Vari simposi, conferenze, seminari, presentazioni di libri, corsi di lingua romena per bambini, ecc.